EVENTO CONCLUSO

Una rassegna sul più importante regista italiano

Rossellini è del tutto alieno da ogni compiacimento autolesionistico, da ogni facile ideologia della denuncia. L’Umanità, l’Italia che egli mostra dà un senso, alla fine, umanissimo e positivo della gente, del Paese. E questo senso positivo deriva proprio dal fatto che Rossellini rappresenta la realtà senza usare alcun filtro roseo, ma mostrandone anche i lati dolorosi, sbagliati. Ma presenta tutto questo con una calda umanità che finisce per fare onore non solo a lui, ma anche al suo e al nostro Paese.
(Claudio Magris)

Rossellini è in Neorealismo. In lui la riscoperta della realtà – nella fattispecie dell’Italia quotidiana, abolita dalla retorica di allora – è stato un atto insieme intuitivo e strettamente legato alla circostanza. Egli era lì, fisicamente presente, quando la maschera cretina è caduta. Ed è stato uno dei primi a vedere la povera faccia dell’Italia.
(Pier Paolo Pasolini)

 

 

LUNEDÌ 19 FEBBRAIO 2018 ORE 21:30
– – – –
Daniele Dottorini presenta
LA PRESA DEL POTERE DI LUIGI XIV Drammatico, Francia, 1966, colore, 102 minuti

Francia. Alla morte del cardinale Mazzarino il giovane sovrano Luigi XIV, che si è sempre dedicato solo ai propri svaghi, decide di esercitare direttamente il potere, senza mediatori. Il sovrintendente delle fi nanza Nicolas Fouquet si aspetta che l’interesse del re per la politica sia di breve durata e crede di poter diventare preso primo ministro, ma commette l’errore di una tentata corruzione verso l’amante del re.
– – – –
L’ospite: Daniele Dottorini è docente al Dams dell’Università della Calabria, redattore della rivista Fata Morgana e membro del comitato di selezione al Festival dei Popoli di Firenze

 

LUNEDÌ 26 FEBBRAIO 2018 ORE 21:30
– – – –
Roberto Turigliatto presenta
INTERVISTA A SALVADOR ALLENDE: LA FORZA E LA RAGIONE
Documentario, Italia, 1971, colore, 71 minuti
con Salvador Allende e Roberto Rossellini

seguito da:
INDIA, MATRI BHUMI
Documentario, Italia – Francia, 1959, colore, 95 minuti
– – – –
L’ospite: Roberto Turigliatto, fondatore dello storico cineclub torinese Movie Club, collabora con i principali festival cinematografi ci italiani e selezionatore al Festival di Locarno. È inoltre uno degli autori di Fuori Orario cose (mai) viste

 

LUNEDÌ 5 MARZO 2018 ORE 21:30
– – – –
Fulvio Baglivi presenta
GERMANIA ANNO ZERO Drammatico, Italia, 1948, b/n, 75 minuti

Berlino 1946. Tra le macerie della città vive il dodicenne Edmund che convive con la sorella, il padre malato e un fratello maggiore che si nasconde per timore di essere arrestato in quanto ex soldato nazista. Il bambino cerca con ogni mezzo un lavoro ma viene anche in qualche modo attratto dal suo ex maestro, un pedofi lo che gli inculca l’idea che i deboli vadano soppressi. Il padre di Edmund
è un debole.
– – – –
L’ospite: Fulvio Baglivi è autore di Fuori Orario cose (mai) viste e lavora all’archivio della Cineteca Nazionale. È stato collaboratore con numerosi festival tra cui Torino e Procida ed è regista di fi lm tra cui Coda e 77. No commercial use

 

LUNEDÌ 12 MARZO 2018 ORE 21:30
– – – –
Renzo Rossellini presenta
ROMA CITTÀ APERTA Drammatico, Italia, 1945, b/n, 100 minuti

Roma, inverno 1944. L’ingegner Manfredi, comunista e impegnato nel Comitato di Liberazione Nazionale, chiede aiuto a Pina, una popolana vedova con un figlio e in procinto di risposarsi, per portare a termine un’azione. La donna lo mette in contatto con don Pietro, un sacerdote disposto ad aiutare i partigiani. Manfredi è però comunque in pericolo perché la sua amante, Marina, dipende
da una collaboratrice della Gestapo che le fornisce la droga.

– – – –

L’ospite: Renzo Rossellini è figlio di Roberto Rossellini, regista e produttore cinematografi co è stato aiuto regista del padre dal 1959 al 1970, autore di uno degli episodi del film collettivo L’amore a vent’anni (assieme ad Ophüls, Truffaut, Wajda e Ishihara), presidente di Gaumont Italia e fondatore negli ’70 di Radio Città Futura 

ingresso singolo evento € 7,00 / carnet per tutte le proiezioni € 55,00