25 - 27 marzo
ORARI (click per mostrare/nascondere)
lunedì 25lun
25
  • 21:30
    *
martedì 26mar
26
  • 21:30
    *
mercoledì 27mer
27
  • 21:30
    *
* Proiezione in VOST (inglese con sottotitoli in italiano)
** Giovedì 21 Introduzione a cura di Aldo Iori
Ian Bonhôte, Peter Ettedgui
Un film di Ian Bonhôte, Peter Ettedgui. Con Alexander McQueen.
Titolo originale Alexander McQueen. Documentario, durata 111 min, colore - Gran Bretagna, 2018 - I Wonder Pictures.

Alexander McQueen il Genio della Moda. Evento speciale giovedì 21 marzo in collaborazione con ABA Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci di Perugia, introduziona al film a cura di Aldo Iori

L’universo di Alexander McQueen è complesso. Ogni sua collezione è (stata) un evento, ogni sua sfilata è (stata) uno spettacolo di referenze, letterarie e cinematografiche, come il suo omaggio ad Alfred Hitchcock nel 2005 (collezione autunno-inverno “Vertigo”). Creatore fuori norma, a cominciare dal suo destino, figlio di un tassista londinese divenuto stella dell’alta moda da Givenchy e poi sovrano della propria maison, McQueen ha ridefinito la moda e i suoi codici attraverso le problematiche contemporanee. Ian Bonhôte e Peter Ettedgui ritornano sulla carriera folgorante dell’artista, dai suoi debutti alla Saint Martin’s School di Londra fino alla leggendaria sfilata Plato’s Atlantis, che riguarda addirittura la science-fiction, offrendo una griglia di lettura a un sistema di pensiero esuberante e a un’immaginazione smisurata, tanto lucida quanto opaca.

Intercalando immagini d’archivio e testimonianze del suo entourage, McQueen piomba lo spettatore nel vivo del suo soggetto, del suo lavoro e delle sue trascendenze. Stilista britannico, bad boy della moda e critico fragoroso dell’establishment, Alexander McQueen crea una bellezza selvaggia e senza concessioni.

Le sue creazioni esprimono una dicotomia permanente: genialità e malessere. La tecnica vertiginosa serve la poetica allucinata: la natura divorata e minacciata dalle nuove tecnologie, la carne in faccia alla morte o all’amore, la Storia di fronte al presente o al futuro, la nefandezza che sfida la speranza e la grazia. La bellezza che McQueen ha inventato ha tutto quello che è necessario a resistere alla prova del tempo, niente nella sua opera è démodé.

Potente e ambigua resiste anche alla morte del suo creatore, avvenuta tragicamente nel febbraio del 2010. Profondamente colpito dal suicidio di Isabella Blow, editrice britannica, migliore amica e mentore, e dalla sparizione di sua madre, Alexander McQueen si toglie la vita. A quarant’anni si congeda dal mondo l’uomo e lo stilista senza dubbio più dotato della sua generazione. Tutto era permesso da lui, non c’erano limiti, nemmeno la morte, protagonista capricciosa ed energia crudele delle sue creazioni, sbattute in faccia ai giornalisti della moda.

Il documentario ‘cuce’ un ritratto con ago e filo di parole, quelle dei familiari e quelle degli amici dell’artista, risalendo il tempo fino a scovare un ragazzotto dell’East End affascinato dal pop e la new wave. Cresciuto in una famiglia modesta, McQueen non ha mai rinnegato le sue radici, facendone addirittura un marchio di fabbrica e imponendole nelle grandi maison de couture francesi. In barba alle tradizioni très chic parigine e allo sguardo accigliato della critica specializzata, disegna collezioni e monta sfilate animato dal desiderio furioso di rivoltare o di esaltare.