4 - 5 settembre
ORARI (click per mostrare/nascondere)
lunedì 4lun
04
  • 21:30
    *
martedì 5mar
05
  • 18:30
    *
  • 22:30
    *
* Tutte le proiezioni sono in VOST (inglese con sottotitoli in italiano)
David Lynch
Un film di David Lynch. Con Jack Nance, Charlotte Stewart, Jean Lange, Judith Roberts, Jeanne Bates.
Titolo originale Eraserhead. Drammatico, durata 90 min, b/n - USA, 1977 - Cinema Ritrovato.

Eraserhead. Primo lungometraggio di David Lynch regista, il film è divenuto un cult del circuito underground grazie al suo immaginario surrealista, alla strana colonna sonora e alla sua aura visionaria.

Henry Spencer è un tipografo che vive in una squallida società. Un giorno, rientrando a casa, la vicina lo informa della chiamata della sua fidanzata, Mary, che lo invita a cenare a casa sua. Henry, arrivato a casa della ragazza, conosce i suoi strambi genitori. La cena è a base di pollo arrosto: mentre Henry cerca di tagliarlo, questo comincia a sanguinare e a muovere gli arti inferiori, dopo di che la madre di Mary ha un attacco epilettico. Ripresasi dopo qualche attimo, la signora, prende in disparte Henry chiedendogli se ha fatto l’amore con Mary; alla risposta affermativa del ragazzo, la signora gli rivela che Mary ha partorito un feto. Dopo qualche mese, il mostruoso essere viene portato a casa di Henry, nel frattempo sposatosi con Mary, che però una notte, stanca di sentire le urla del figlio, se ne va; Henry ha allora la visione di una donna con delle malformazioni alle guance, che balla schiacciando quelli che sembrano degli embrioni o spermatozoi. In seguito Henry scopre che suo figlio è malato il che costringe il padre a rimanere rinchiuso in casa con lui. Poi arriva la vicina che seduce Henry e fanno sesso; mentre i due copulano, la donna vede il feto e sembra rimanerne sconvolta. Dopo l’amplesso, Henry sprofonda nel letto e sogna la cantante dalle guance malformate che canta In Heaven e le va incontro, poi la sua testa si stacca dal corpo e viene ritrovata da un bambino che la porta in una fabbrica, dove usano il cervello per farne una gomma per cancellare. Inoltre Henry sogna la moglie che partorisce aborti. Quando Henry si sveglia da questo incubo trova il figlio moribondo che ride del padre che ha visto la vicina che sembra che stia per andare a letto con un altro per via del terrore che lei provò nel vedere il feto. Henry, preso dalla rabbia e dallo stress, sventra irrazionalmente il figlio e lo lascia morire lentamente; Henry sembra non essere fiero del gesto appena compiuto comprendendo di aver agito secondo istinti e non consciamente. Poi, in uno spazio bianco, incontra di nuovo la cantante dalle guance deformate, si abbracciano, e quindi cala il buio.