23 - 29 maggio
ORARI (click per mostrare/nascondere)
giovedì 23gio
23
  • 17:30
  • 21:00
venerdì 24ven
24
  • 17:30
  • 21:00
sabato 25sab
25
  • 17:30
  • 21:00
domenica 26dom
26
  • 17:30
  • 21:00
lunedì 27lun
27
  • 17:30
  • 21:00
martedì 28mar
28
  • 17:30
  • 21:00
mercoledì 29mer
29
  • 17:30
  • 21:00
Mercoledì 29 ingresso al prezzo speciale di € 4,00
Marco Bellocchio
Un film di Marco Bellocchio. Con Pierfrancesco Favino, Maria Fernanda Cândido, Fabrizio Ferracane, Fausto Russo Alesi, Luigi Lo Cascio.
Titolo originale Il traditore. Drammatico, durata nd min, colore - Italia, 2019 - 01 Distribution.

Il traditore. Il film di Marco Bellocchio in concorso al Festival di Cannes racconta il primo grande pentito di mafia, l’uomo che per primo consegnò le chiavi per avvicinarsi alla piovra, cambiando così le sorti dei rapporti tra Stato e criminalità organizzata.

Tommaso Buscetta, la cui famiglia fu interamente sterminata dai Corleonesi, suoi rivali mafiosi, ha permesso ai giudici Falcone e Borsellino, prima di cadere tragicamente per mano della mafia, di portare alla luce l’esistenza della struttura mafiosa di Cosa Nostra, rivelandone i capi, facendoli imprigionare, svelando le collusioni con la politica, e l’esistenza, con Pizza Connection, del traffico di droga con la mafia italo-americana.
“Se lo sviluppo del progetto non avrà intoppi – ha dichiarato alla stampa il produttore Caschetto – il film potrebbe iniziare la lavorazione a settembre 2017”. Ha aggiunto Del Brocco: “Sarà un film di produzione internazionale di uno dei nostri autori più amati e apprezzati all’estero. Pensiamo che lo sguardo di Bellocchio sulla storia e la capacità di lettura non convenzionale dei fatti, caratterizzeranno il racconto di un personaggio complesso che si prova a descrivere per la prima volta”.
Bellocchio invece si è espresso così sul film: “Mi interessa il personaggio di Tommaso Buscetta perché è un traditore. Il traditore potrebbe essere il titolo del film. Ma in verità, chi ha veramente tradito i principi di Cosa Nostra, non è stato Buscetta ma sono stati Totò Riina e i Corleonesi. Come si vede, due modi diversi di tradire”.