15 - 21 novembre
ORARI (click per mostrare/nascondere)
giovedì 15gio
15
  • 17:00
  • 21:30
venerdì 16ven
16
  • 17:00
  • 21:30
sabato 17sab
17
  • 17:00
  • 19:15
domenica 18dom
18
  • 17:00
  • 21:30
lunedì 19lun
19
  • 17:00
  • 21:30
martedì 20mar
20
  • 17:00
  • 19:15
mercoledì 21mer
21
  • 17:00
    *
  • 21:30
    *
* Mercoledì 21 VOST (francese con sottotitoli in italiano) ingresso al prezzo speciale di € 4,00
Stéphane Brizé
Un film di Stéphane Brizé. Con Vincent Lindon, Mélanie Rover, Jacques Borderie, David Rey, Olivier Lemaire.
Titolo originale En guerre. Drammatico, durata 113 min, colore - Francia, 2018 - Academy Two.

In guerra. Film in concorso all’ultimo Festival di Cannes. La fabbrica Perrin, un’azienda specializzata in apparecchiature automobilistiche dove lavorano 1100 dipendenti che fa parte di un gruppo tedesco, firma un accordo nel quale viene chiesto ai dirigenti e ai lavoratori uno sforzo salariale per salvare l’azienda. Il sacrificio prevede, in cambio, la garanzia dell’occupazione per almeno i successivi 5 anni. Due anni dopo l’azienda annuncia di voler chiudere i battenti. Ma i lavoratori si organizzano, guidati dal portavoce Laurent Amédéo, per difendere il proprio lavoro.

Stéphane Brizé torna, a tre anni di distanza da La legge del mercato, al sodalizio con Vincent Lindon per affrontare nuovamente una tematica che gli sta particolarmente a cuore: quella delle condizioni di lavoro ai giorni nostri.

Ha dalla sua parte la garanzia della perfetta interazione, già sperimentata nel film citato, tra un attore di pregio come Lindon e interpreti non professionisti. La sceneggiatura è estremamente precisa, nulla è stato affidato al caso eppure l’esito finale è di una naturalezza straordinaria.

In questa occasione però la struttura è decisamente diversa: del privato del protagonista sappiamo poco, esattamente quanto basta. Perché al centro c’è Laurent come uomo di punta della protesta ma ci sono soprattutto le dinamiche che intercorrono tra i dipendenti della fabbrica che si vuole chiudere e la proprietà nonché quelle che si sviluppano all’interno del comitato di lotta.

Come afferma il sociologo Luciano Gallino le ideologie non sono finite, come qualcuno vorrebbe pretendere, ce n’è ancora una e dominante: la legge del mercato appunto. La lotta di classe, lungi dall’essere scomparsa, continua e a vincerla è il neoliberismo senza regole grazie a parole d’ordine come ‘flessibilità’ e ‘delocalizzazione’. Dall’altra parte ci sono i Laurent Amédéo di questo ‘mondo libero’ come lo chiama Ken Loach. Che accettano, come quelli della Perrin, di lavorare per un certo numero di ore senza stipendio per garantirsi un futuro che verrà invece negato sulla base del fatto che un’azienda apre e chiude le proprie sedi quando vuole e anche se il dividendo azionario è del 25%.

Brizé conosce quel mondo in cui gli operai (che si vorrebbero scomparsi) invece esistono ancora ed hanno familiari a cui garantire che il loro lavoro (cioè i cosiddetti mezzi di sostentamento) ci sarà anche un domani. Sta loro accanto e ci impone di seguirli, trattativa dopo trattativa, riunione dopo riunione senza mai trasformare il suo lavoro in docufiction (anche se le riprese dei momenti più caldi potrebbero tranquillamente passare come realizzate dal vero). Li vediamo pretendere una sola cosa: il rispetto dei patti.

Rispetto appunto: un vocabolo che sembra non avere più alcun valore perché le persone diventano ‘cose’ nei confronti delle quali non si ha più alcun dovere, tantomeno un dovere morale. È una guerra impari quella che Brizé ci mostra, in cui chi ha, dalla sua, la forza del denaro finalizzata al profitto privo di regole si ammanta di una democrazia di facciata mentre sta instaurando una feroce tirannia transnazionale le cui vittime si nascondono nelle case di chi perde il lavoro