19 - 27 ottobre
ORARI (click per mostrare/nascondere)
mercoledì 20mer
20
  • 21:30
    *
giovedì 21gio
21
  • 17:15
  • 21:15
venerdì 22ven
22
  • 19:15
sabato 23sab
23
  • 17:15
  • 21:15
domenica 24dom
24
  • 19:15
lunedì 25lun
25
  • 17:15
  • 21:15
martedì 26mar
26
  • 19:15
mercoledì 27mer
27
  • 17:15
    *
  • 21:15
    *
* Proiezione in VOST (francese con sottotitoli in italiano)
Mercoledì ingresso al prezzo speciale di € 4,00
Julia Ducournau 
Un film di Julia Ducournau . Con Vincent Lindon, Agathe Rousselle, Dominique Frot, Myriem Akheddiou, Théo Hellermann.
Titolo originale Titane. Thriller - V.M. DI 18 ANNI, durata 108 min, colore - Francia, Belgio, 2021 - I Wonder Pictures.

Titane. Film vincitore della Palma d’Oro all’ultimo Festival di Cannes.

Alexia adora le automobili, sin da quando, bambina, un incidente le ha donato una placca di titanio nella testa. Facendola rinascere, gonfia di rabbia e amore represso che la trasformeranno in un essere ibrido e nuovo. Perché la metamorfosi si completi, dovrà scoprire la forza potente che muove le cose del mondo: l’essere umani. Titane è un vero manifesto della nostra contemporaneità fluida e del cinema del futuro, materia pulsante densa di risonanze. Un film unico, provocatorio, innovativo, che attraversa l’immaginario techno-rock-pop new pangender e ha stupito e trionfato al 74. Festival di Cannes vincendo la Palma d’oro.

«Mentre stavo finendo il mio primo film Raw – Una cruda verità, ho pensato che nel successivo avrei voluto raccontare una storia d’amore. In quei giorni ero tormentata da un incubo: ero incinta e partorivo pezzi di un motore a scoppio. Mi sembrava una bella immagine e ho pensato che fosse intrigante legare entrambi questi elementi al mito greco di Gaia, la dea della Terra, e a Urano, il dio del cielo, dalla cui unione sono nati i Titani. In francese usiamo la e per declinare i sostantivi al femminile e così ho preso la parola Titan, che vuol dire Titano, e l’ho trasformata in Titane, titanio, per ottenere un chiaro riferimento al mondo dei motori». – Julia Ducournau

«Non c’è da sorprendersi che al secondo tentativo la 37enne regista parigina, figlia di medici e diplomata in sceneggiatura nella prestigiosa scuola di cinema La Femis, sia riuscita a vincere a Cannes, diventando tra l’altro la seconda donna nella storia del festival ad aggiudicarsi il premio più ambito dopo Jane Campion nel 1993 per Lezioni di piano: la critica sulla Croisette si è divisa tra chi considera Titane solo un divertente horror e chi grida al capolavoro, ma è certo che sono state riconosciute l’audacia visiva e l’originalità dei temi rispetto ad altri film più tradizionalisti». – Marco Consoli, La Repubblica

 

L’ingresso in sala è consentito solo mostrando il proprio Green Pass (esclusi under 12).

Acquista il tuo biglietto online al seguente link